ibonsai logo
ibonsai logo
bonsai gelso

Bonsai gelso

  • Nome comune: Bonsai Gelso
  • Nome scientifico: Morus Alba (Moracee)
  • Tipologia: Bonsai da esterno
  • Rinvaso: Da Novembre a Marzo
  • Potatura: Da Novembre a Marzo
  • Applicazione filo: Da Maggio a Ottobre
  • Irrigazione: Tutti i giorni abbondantemente, tranne in inverno (meno frequenza)

Il bonsai gelso è originario dell'Asia ed è stato coltivato per molto tempo in Cina. Le foglie di gelso sono la dieta di base del baco da seta.

L'importazione della pianta del gelso è avvenuta anche per fornire il cibo ai bachi da seta, al tempo dell'impero romano. Da allora è divenuta una caratteristica ornamentale per parchi e giardini. Il Re Giacomo piantò un campo di gelsi neri a Greenwich nel 17° esimo secolo, solo per scoprire se i bachi da seta mangiassero solo la varietà bianca.

La pianta del gelso ha una crescita rapida. In natura, i gelsi sono piccoli alberi di medie dimensioni, dalla forma nodosa e suggestiva. Il tronco è pesante, la corteccia robusta e le foglie dentate formano un'interessante combinazione di forma e consistenza in un campione bonsai.

Il gelso sembra vecchio, anche quando si parla di piante giovani. I rami diventano nodosi e contorti con il passare del tempo.

I fiori rosa sono abbastanza insignificanti, che appaiono nel tardo inverno fino a primavera, ma sono presto seguiti da piccoli frutti commestibili che maturano dal rosa rossastro al nero.

I frutti assomigliano a lamponi, ma hanno un sapore più sano e non appena sono maturi, cadono dall'albero.

Ogni parte della pianta è commestibile ed è usata in medicina, in particolare contro il tetano nel terzo mondo.

I principali tipi di gelso sono due: bianco e nero. I nomi descrivono il colore delle gemme e non del frutto. Il tipo nero è quello avente la frutta migliore. Il bianco ha la frutta un po' meno tagliente rispetto al bianco, che però ha una forma piangente, che lo rende adatto per il bonsai.

Molto interessante è il notare che i gelsi sembrano avere una difesa unica contro i funghi, anche se non è stato completamente studiato. Essi non sembrano soccombere alle malattie fungine quando sono maturi ed i funghi non crescono. Alcune persone crescono vigneti intorno ai gelsi per evitare le malattie da funghi, e sembra funzionare.

Cura


Temperatura

Nel sud i bonsai gelso crescono bene, mentre nel nord avranno bisogno di un po' di riparo. In autunno bisogna offrire riparo alle foglie e proteggerle dai venti forti, dalle piogge violente e dal ghiaccio.

Illuminazione

Il bonsai gelso ama godere della luce del sole ad ogni ora del giorno.

Irrigazione

Tutti i giorni per la stagione di crescita, meno frequentemente in inverno, ma è consigliato sempre mantenere il terreno umido in ogni momento.

Fertilizzante

Applicare del fertilizzante ogni due settimane durante la stagione di crescita. Utilizzare un concime "0-10-10" in autunno.

Potatura e Formazione

Potare i rami più piccoli e le foglie durante la stagione di crescita. Rimuovere immediatamente eventuali grandi foglie. Circa un mese dopo la caduta delle foglie in inverno o all'inizio della primavera prima di boccioli cominciano l'apertura ed è possibile potare i rami più grandi.

Non potare i rami di grandi dimensioni quando la pianta è piena di foglie, è quasi impossibile fermare la linfa che scorre.

Propagazione

Il modo tradizionale per piantare un gelso è quello da talea. Tutti gli antichi gelsi sono stati coltivati in questo modo. Si possono piantare dei semi in primavera.

Rinvaso

Rinvasare ogni due anni all'inizio della primavera. Ad ogni rinvaso si deve stare attenti alle radici che sono molto fragili.

Stili

Il bonsai gelso può essere formato secondo diversi stili, come quello eretto formale, inclinato a semi cascata ed a cascata. Si adatta a tutte le dimensioni.


Prezzi

Lascia un commento

Esperto SEO Srl - Via Antonio Baiamonti 4, 00195 Roma (RM) - C/F P.Iva 01512540558 - Tel.: +39 0744.409703 - Fax: +39 0744.429985