ibonsai logo
ibonsai logo
storia del bonsai

Storia del Bonsai

L’essere umano ha da sempre coltivato gli alberi in vaso. La storia del bonsai inizia con gli antichi egizi che, duemila anni fa iniziarono a coltivare alberi da frutto e spezie in particolari vasi.

L’arte del bonsai è stata per molto tempo associata al Giappone, ma la realtà è che nasce in Cina, per poi diffondersi verso l’est Corea e in Giappone.

La storia e la tradizione del bonsai è stata diffusa dai monaci buddisti che hanno voluto portare la bellezza della natura all’interno dei loro templi. Grazie ad antichi dipinti e manoscritti, siamo venuti a conoscenza che questi piccoli alberi venivano coltivati dai cinesi intorno al 600 dC, ma molti studiosi ritengono che i primi bonsai sono stati coltivati già dal 500 o 1000 aC.

Non è un caso che questi alberi sono stati coltivati per la prima volta in Cina. I Cinesi hanno sempre amato la natura e il loro paese è dotato di una ricca varietà di flora. Inoltre, a popolazione cinese aveva e ha tuttora una passione per i giardiniIn realtà, molti di questi giardini erano in miniatura e ci si poteva trovare molti alberi e arbusti in miniatura, per rafforzare la portata e l’equilibrio dei loro paesaggi.

I Cinesi, sono stati da sempre affascinati dalla miniaturizzazione come scienza a sé stante. Essi credevano che negli oggetti in miniatura erano concentrati alcuni poteri mistici e magici.

Lo sviluppo della ceramica cinese e coreana ha svolto un ruolo importante nella storia del bonsai come lo conosciamo oggi. Senza l'invenzione dei contenitori cinesi, i bonsai non sarebbero stati ammirati come oggi.

Il termine ‘Bonsai' è giapponese, ed è formato da due ideogrammi: 盆栽.

Il primo significa vaso o contenitore mentre il secondo simboleggia l'educazione, o in senso lato, il coltivare. L’albero ed il contenitore devono costituire un’unica entità. Ancora oggi i contenitori più desiderati per i bonsai sono antichi vasi cinesi.

Il bonsai si è evoluto e sviluppato nel corso degli anni. Il bonsai cinese rispecchia più le tradizioni antiche, e spesso appare “grezzo” per  chi non è informato in questo campo. D’altra parte, gli stili giapponesi sono più gradevoli e risultano più naturali.

Gli alberi giapponesi sono per la maggior parte delle volte i più raffinati e curati, ma ambedue i tipi hanno un incredibile fascino.

Come ha fatto quest’arte ad essere riconosciuta ed apprezzata anche nel resto del mondo?

Nel 1878 il Giappone ha esposto in una mostra internazionale a Parigi i primi Bonsai. Operazione che venne ripetuta nel 1908 in Inghilterra al “Great Exhibition” a Londra. Da quel giorno alcuni appassionati e membri della “Japan Society” di Londra, hanno importato i primi Bonsai dal Giappone, dove hanno creato una mostra al “Chelsea Flower Show”.

Ecco che nasce il “Bonsai Kai”, il primo club di bonsai in Europa.

Il merito della storia del bonsai è dei monaci buddisti, che grazie al loro entusiasmo, la loro tradizione artistica e la pazienza hanno contribuito in modo significativo per far conoscere quest’incredibile arte in tutto il mondo.

Significato del bonsai

Lascia un commento

Esperto SEO Srl - Via Antonio Baiamonti 4, 00195 Roma (RM) - C/F P.Iva 01512540558 - Tel.: +39 0744.409703 - Fax: +39 0744.429985